Archivi categoria: Territorio Innovazione

Burrata homemad 

Annunci

Corallo art style garnish chips decoration 


Dish fossil vegetable and truffle: original dish by GianMaria Le Mura

   

    
    
   


Quattro di quadry : tartufo in Oliveto

   
    
   


Acquario in sospensione a Berlino Radisson Blu Hotel

acquario in sospensione. Architettato a Berlino

La sorpresa riguarda una torre-acquario, alta circa 25 metri e con un diametro di 11, proprio al centro della lobby. La torre di vetro ed acqua è attraversata da un ascensore che permette ai clienti dell’hotel di godere di un panorama stupendo mentre giungono al ristorante panoramico. L’acquario, è stato chiamato AquaDom, contiene 2600 specie di pesci e la manutenzione è affidata al vicino Aquarium, che permette ai visitatori di condurre anche delle visite al suo interno insieme a dei sommozzatori. La gigantesca struttura è stata realizzata con vetro acrilico ed è stato il progetto attorno al quale è stato costruito, successivamente, l’intero hotel. Purtroppo, il giro non dura più di 15-20 minuti, ma le immagini di favolosi pesci galleggianti rimarranno impresse nella mente per molto tempo.


Cotoletta : Semplicita’ italiana condivisa in tutto il mondo

Cotoletta di vitello.

Coteletta con costoletta di vitello

 

La Cotoletta –

Milano  Vienna

Patrocinio Meneghino:

In ogni parte del mondo la cotoletta è riconosciuta come una fettina di carne o piu spessa o meno spessa fatta andare con farina uovo e pane grattugiato , quest’ultimo misto  a del parmigiano grattugiato .

Un Po’ di Storia:

Il cibo viaggia, si adatta, mette radici, cambia forma e nome, incontra altri ingredienti, si perde, per poi ritornare e quando, dopo secoli e secoli di storia, ce lo ritroviamo nel piatto, molte volte non si sa più da dove è partito e qual’è la sua evoluzione. Ed è proprio per l’animo vagabondo del cibo che nascono dispute tra chi ha creato per primo il piatto originale.
Qualche volta, anche se con difficoltà, si riesce a risalire alla paternità, altre volte ci si perde tra
scambi ed influenze ereditati da altri popoli.
D’altra parte la storia della gastronomia […]”è piena di vicende inventate, una specie di mitologia culinaria, che, tramandata dalla tradizione popolare, è diventata parte della credenza collettiva[…]”(A. Capatti)

COTOLETTA ALLA VIENNESE?

La cotoletta alla milanese è un classico esempio di “paternità” contestata.
I viennesi ne pretendevano l’esclusiva insieme al valzer e alla Sacher Torte.
Nell’ottocento, durante l’occupazione di Milano, gli austriaci confondevano la loro Wiener Schnitzel, carne cotta con farina e pangrattato, con la cotoletta alla milanese che, nell’impanatura, prevede fra l’altro anche l’uovo.
La cotoletta piaceva loro così tanto che Johann Strauss junior, l’autore di Sul bel Danubio blu,compose una Cotolect-polka, ballo dedicato alla gustosa pietanza.
La cotoletta entrò quindi nel contenzioso tra i patrioti italiani e i soldati di Francesco Giuseppe.
Il paciere, strano a dirsi, fu questa volta il maresciallo Radetzky, che in una lettera al conte Attems, aiutante di campo dell’Imperatore, precisò di aver mangiato il piatto per la prima volta a Milano, riconoscendone così, ufficialmente, l’origine meneghina.
A ragione: la cotoletta è citata nei ricettari lombardi medievali e compare persino in un documento del XII secolo in cui i canonici di Sant’Ambrogio chiedevano per i giorni di festa lombolos cum panitio, cioè lombatine con impanatura.

Allora secondo la mia conoscenza definisco cotoletta questo procedimento:

La cotoletta alla milanese ha una sua identità ben precisa che la distingue da qualsiasi altro tipo di carne panata e fritta (compresa la Wienerschnitzel a cui viene spesso assimilata) e di cui i milanesi vanno fieri.Innanzitutto, la scelta del taglio della carne, che dev’essere rigorosamente con l’osso, infatti si dice che la cotoletta alla milanese abbia “il manico”. Puo’ essre di maiale usando la costata, puo’ essere di Agnello usando le costatine, puo’ essere anche senza osso per panini o sandwich . Quindi bisogna orientarsi sul costato di vitella giovane. E’ mia abitudine battere leggermente la carne aiutandomi con lo stesso pane grattugiato per asciugarla ne frattempo e nel momento di usare l’uovo usare solo il rosso d’uovo poiche il bianco tende durante la cottura a far sollevare la crosta di pane. Quindi passarla nel pane grattugiato precedentemente condito con Parmigiano grattugiato e (io metto della polvere di zafferano nel pane).

Friggere poi in padella con olio di oliva e burro chiarificato e in ambedue le parti fare dorare e servire ben calda.  Ecco alcune foto e non dimenticate di accompagnare sempre con maionese o salsa tartara inmancabili le patate bollite all’aceto e non le patate fritte .


Gastone Ristorazione Innovativa..


Beauty Break

La mia pausa di bellezza

RizaBakeryBistroCavite

the customer is always right

Cuciniamoci su

Hai avuto una brutta giornata? Qualcuno ti sta sulle scatole? Niente paura! Cucinaci su!

Discover

A daily selection of the best content published on WordPress, collected for you by humans who love to read.

RizaBakeriManila

Pan de Manila

Lorenzo Photography

This is my new photography page. All the photos with my Iphone 4.

Amù

Art Moves the World

farefuorilamedusa

romanzo a puntate di Ben Apfel

CucinaconPamela

Cooking with Pamela

Riccardo Franchini. Godete

Bere Mangiare Viaggiare. Scopare la Vita.

Officina Marinara

Food Communication - Cuoco Vincenzo Mele

La Didattica il Web e la Cucina

chef Giuseppe Azzarone

Chef Blog

Chef D'Autor Chef D'Amore

Soul Sweet

Doces inesquecíveis.

adalacucinaetu

Just another WordPress.com site

artword

credo che il mondo non sia tutto qui - arte contemporanea, luoghi, artisti, musei -

Le ricette di Sole e Sale

Ricette Tradizionali Siciliane e non ...

Pistacchio Verde

Mantenersi verdi non solo in cucina

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: