Archivi del mese: ottobre 2013

Christmas Pudding Heston Blumenthal – Da cuocere in casa

SONY DSC

SONY DSC

Cottura da finire a casa

Cottura da finire a casa

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

Blumenthal lancia nei supermercati dell’Australia “”Coles””Il Suo Pudding con dentro un’arancia candida. L’ho comprato , l’ho fatto e preparato in casa. Buono ma non mi ha del tutto steso e sorpreso. Bella Idea comunque

Cosa serve per un pudding medio 75 grammi di farina (meglio se autolievitante) 1 cucchiaino di bicarbonato di sodio (se non si usa la farina autolievitante) 175 grammi di zucchero di tipo muscovado 3 uova 175 grammi di burro a temperatura ambiente 1/2 cucchiaino di cannella 1/2 cucchiaino di noce moscata 1 cucchiaino di spezie miste (chiodi di garofano, anice, pepe nero, noce moscata) 175 grammi di pangrattato 25 grammi di farina di mandorle un pizzico di sale 225 grammi di uva passa 225 grammi di uvetta sultanina 125 grammi di canditi misti 125 grammi di ciliegie dolci 1/2 mela grattata 1 bottiglia di birra scura (io ho usato una Guinness) Brandy Panna fresca da montare/Gelato

Come si fa 1. Sbattere il burro e lo zucchero con una forchetta fino a quando non si ottiene una crema densa quindi aggiungere le 3 uova leggermente sbattute e mescolare per bne. 2. Setacciare all’interno di questo composto la farina, l’eventuale bicarbonato, il sale, la cannella, la noce moscata e le spezie miste quindi, dopo aver mescolato per bene, aggiungere anche l’uva passa, l’uva sultanina, i canditi, le ciliegie, la mezza mela grattata e la farina di mandorle. Mescolare per bene ottenendo così un composto molto scivoloso quindi aggiungere il pangrattato e l’intera bottiglia di birra. Dare l’ultima mescolata quindi coprire con un panno e lasciar amalgamare per una notte. 3. La mattina dopo accendere il forno a 150° e trasferire tutto il composto dentro uuno stampo da pudding (o dentro uno stampo da budino, come questo) completamente oliato/imburrato quindi metterlo direttamente in forno a bagnomaria con la superficie coperta da alluminio in modo che non si bruci. Lasciar cuocere per 5-7 ore (io ne ho impiegare 6.5 in totale, forno ventilato) ovvero fino a quando, togliendo la carta stagnola, il colore del pudding non diventa scuro (più resta in forno e più, per via della reazione chimica della birra, si scurisce e acquista sapore!). 4. Togliere dal forno, mettere su un piano resistente al calore e, una volta raffreddato, capovolgere su un piatto da portata e servire aggiungendo del brandy sulla superficie ed, eventualmente, fiammeggiandolo (passaggio assolutamente non necessario) più della panna montata o del gelato alla vaniglia.

Tempo di preparazione: 1 notte + 6 ore

Risultato: pur non amando i canditi e le uvette in generale, sono affascinata sempre e da sempre dal Christmas pudding perchè ha un sapore deciso dovuto alla birra e stemperato dai tanti canditi e dalle spezie. Secondo me va provato perchè stupisce, credetemi.

Variante: è possibile cuocere a vapore il pudding anche sul fornello, sempre per lo stesso tempo. Basta coprire per bene lo stampo sopra e sotto con carta forno quindi con carta stagnola e metterlo all’interno di una pentola grande in modo che sia coperto fino ai 2/3 rispetto alla superficie aggiungendo acqua nel caso in cui dovesse evaporare.

Consiglio: ovviamente prima si prepara e meglio è nel senso che i vari sapori si amalgamano perfettamente e addirittura nelle campagne si prepara con 4-6 settimane di anticipo. Onestamente, preparato e mangiato è favoloso secondo me per cui non ha granchè senso avvantaggiarsi parecchio ma siccome da noi le feste di Natale durano un’eternità potete anche prepararlo ora e tagliarlo, chessò, a Capodanno… se resistete :D

Consiglio 2: se l’acqua nella teglia del bagnomaria evapora, aggiungetene altra calda in modo che il pudding non si secchi. E se vedete che la carta stagnola si ripiega su sè stessa o si scurisce, NON sostituitela ma sovrapponete una secondo strato in modo da aumentare l’umidità interna del pudding in cottura.

Postillina: una volta preparato, il pudding si mantiene per mesi, sempre coperto con la carta stagnola ed eventualmente con un panno. Per mangiarlo basta solo riscaldarlo a bagnomaria per un paio di ore così da farlo rinvenire.

Curiosità: quando si parla di pudding si intende sia il classico di Natale, la cake in pratica, che il pudding salato che si trova nell’irish breakfast. La differenza, oltre al sapore, è proprio data dal nome: Christmas pudding vs. Black/white pudding ma non è difficile vedere persone che, quando chiedono la colazione al bar, restano un pochino perplessi a vedere questi due tondini di carne pressata e non un bel pezzetto di torta aromatizzata

Annunci

(Hamdan International Photography Award )

120.000 dollari premio

Una foto da 120mila dollari

L’HIPA (Hamdan International Photography Award) è conosciuto in tutto il mondo come il concorso fotografico con il più alto montepremi di sempre: 120 mila dollari. Una cifra che non poteva che essere patrocinata dallo Sceicco Hamdan bin Mohammed bin Rashid al Maktoum, principe ereditario di Dubai e fotografo amatoriale.

Il concorso attira ogni anno i migliori professionisti di tutto il mondo, i cui scatti vengono esposti alla Royal Geographical Society di Londra. Le categorie di quest’anno erano “La bellezza della luce”, “Bianco e nero”, “Emirati” e “Generale”. La foto vincitrice di Osama Al Zubaidi, che si è aggiudicato così il montepremi da capogiro, ritrae due uomini tra le dune del deserto


Beauty Break

La mia pausa di bellezza

RizaBakeryBistroCavite

the customer is always right

Cuciniamoci su

Hai avuto una brutta giornata? Qualcuno ti sta sulle scatole? Niente paura! Cucinaci su!

Discover

A daily selection of the best content published on WordPress, collected for you by humans who love to read.

RizaBakeriManila

Pan de Manila

Lorenzo Photography

This is my new photography page. All the photos with my Iphone 4.

Amù

Art Moves the World

farefuorilamedusa

romanzo a puntate di Ben Apfel

CucinaconPamela

Cooking with Pamela

Riccardo Franchini. Godete

Bere Mangiare Viaggiare. Scopare la Vita.

Officina Marinara

Food Communication - Cuoco Vincenzo Mele

La Didattica il Web e la Cucina

chef Giuseppe Azzarone

Chef Blog

Chef D'Autor Chef D'Amore

Soul Sweet

Doces inesquecíveis.

adalacucinaetu

Just another WordPress.com site

artword

credo che il mondo non sia tutto qui - arte contemporanea, luoghi, artisti, musei -

Le ricette di Sole e Sale

Ricette Tradizionali Siciliane e non ...

Pistacchio Verde

Mantenersi verdi non solo in cucina

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: